New York City – Chicche dalla città che non dorme mai (Parte 2)

Ciao Travellers,

siete pronti per una nuova carrellata di “chicche” per organizzare al meglio il vostro prossimo viaggio a New York City? In questo articolo ne elencherò altre cinque, segreti nascosti o esperienze newyorkesi per un viaggio da raccontare 🙂

 

 

  • Magnolia Bakery come Miranda e Carry

Che abbiate o meno riso e pianto in compagnia delle quattro bellissime newyorkesi per eccellenza di Sex and The City, questa bakery del West Side, con vari punti vendita sparsi per Manhattan, è assolutamente da provare: e non cercate di resistere alla tentazione di un ennesimo dolcetto colorato… oltre a essere bellissimi, questi mignon sono STREPITOSI!

Non a caso anche Miranda e Carry sprofondano con piacere i denti in un delizioso cupcake con topping alla vaniglia, non badando assolutamente alla linea – cosa che consiglio di fare anche a voi 🙂

 

Dove si trova? Ci sono numerose Magnolia Bakery a Manhattan: non avete scuse per non andarci!

Sito ufficiale di Magnolia Bakery QUI

RICETTE PER DOLCETTI STREPITOSI QUI (a questo link puoi leggere gratuitamente l’ebook di Magnolia Bakery)

 

 

  • Mangiare sushi al Chelsea Market

Nel quartiere di Chelsea, nel cuore di Manhattan, si trova questo stabile ristrutturato e trasformato in un mercato: un must per i newyorkesi!

Mattoni a vista e pavimenti industriali consumati la fanno da padroni in questa location molto particolare e assolutamente da visitare: è un mercato open-space di “food” ricavato in un’ex fabbrica di Oreo, suggestivo e a tratti chic (non sembra di essere in un “mercato”) – raccoglie un gran numero di ristorantini che offrono cibo di ottima qualità.

Famoso, e moto affollato, al The Lobster Place potrete assaggiare sushi e altro pesce freschissimo: i prezzi sono abbastanza abbordabili (vaschette nei frigoriferi a $4-6 / roll preparati al momento $9-16), anche se non esattamente low-cost, e la qualità del cibo è davvero molto alta, provare per credere! 

Tripadvisor

Oltre al sushi, la regina – al The Lobster Place – è l’aragosta al vapore, il cui prezzo varia in base alla stagione e alla taglia ($20 circa – 1 1/2 lb – 680 grammi).

 

Per gli amici vegani, il The Green Roll, offre roll (e wrap) 100% di origine vegetale riempiti con riso, verdure, tofu e frutta: la scelta è molto ampia e per tutti i gusti, anche i “carnivori” sapranno apprezzare queste delizie green!

 

 

  • Il parco che attraversa la città, sui binari di una vecchia linea metropolitana

Dal quartiere di Chelsea, appena fuori dal celebre Chelsea market, percorrete Highline: essa rappresenta, nei suoi 2.3 km, una delle passeggiate più belle di NYC.

Questa meravigliosa opera di riqualificazione urbana interessa una sezione in disuso della metropolitana sopraelevata chiamata West Side Line (la cui controversa realizzazione, nel 1929, costò alla Città di New York circa 150 milioni di dollari – al cambio odierno circa 2 miliardi), completata nel 2014 – oggi è visitata da 5 milioni di persone all’anno.

La Highline non è solo un parco, che raccoglie circa 210 specie di piante differenti, ma è anche un museo a cielo aperto che ospita istallazioni di arte contemporanea e un ottimo punto panoramico sulla città.

«a piedi si percorre tutta in mezz’ora, ma nessuno la attraversa in mezz’ora perché c’è da fermarsi dappertutto – a guardare sotto, a guardare a terra, a destra e a sinistra, a fermarsi. Ci sono prati e panchine, c’è un pezzo di pavimentazione su cui corre un centimetro di acqua da metterci i piedi dentro. Ci sono ancora dei pezzetti di binari, integrati col resto, e 210 specie diverse di piante».

In queste poche righe, Francesco Costa descrive, in un articolo pubblicato su Klat, perfettamente l’essenza dell’opera newyorkese: la Highline, grazie all’associazione Friends of the Highline rappresenta anche la sede di numerosi eventi, molti dei quali gratuiti. 

Potete scegliere di partecipare ad una lezione di meditazione o di tai-chi, ad un tour in cui scoprirete la fauna selvatica presente nel parco o ad una serata karaoke, etc. QUI IL PROGRAMMA SEMPRE AGGIORNATO!

Orario: tutti i giorni 9-22h

Dove si trova e punti di accesso:

 

 

  • Il quartiere di Natale a Brooklyn 

A Brooklyn c’è un quartiere famoso in tutto il mondo per le sue decorazioni natalizie: se capitate a New York City in inverno, una tappa immancabile del vostro viaggio deve essere Dyker Heights.

Il quartiere diventa simbolo delle festività, declassando anche l’albero di Rockfeller Center, e si stima che circa 150.000 persone ogni anno rimangano estasiate dalla grandiosità dei suoi addobbi colorati: i proprietari di casa si rivolgono a professionisti per decorare in modo impeccabile le proprie abitazioni che sono un vanto da più di 30 anni. 

La tradizione è nata negli anni Ottanta, quando Lucy Spata decise di decorare la sua villa, al 1152 84th Street, con alcuni angioletti illuminati in ricordo della madre recentemente scomparsa: se inizialmente l’idea non piacque ai vicini, col tempo gli abitanti del quartiere iniziarono una competizione a colpi di lucine, cercando di migliorarsi di anno in anno. Una vera gara che vide, allora come oggi, la famiglia Polizzotto, al 1145 84th Streetcome la principale rivale degli Spata (Al Polizzotto decorò la propria abitazione con un Babbo Natale alto più di 4 metri come segno di positività mentre combatteva la propria battaglia contro il cancro).

Una faida greca-italiana, che ricorda quella tra i Non So Chi del film Il Grinch, all’insegna del “lo faccio anche io, ma lo faccio meglio” che, coinvolgendo tutti gli abitanti di Dyker Heights, ha portato all’eccellenza del quartiere in tutto il mondo.

Casa SPATA – https://www.asliceofbrooklyn.com/dyker-heights-christmas-lights/

 

Casa POLIZZOTTO – https://www.asliceofbrooklyn.com/dyker-heights-christmas-lights/

Come arrivare:

  • Dyker Heights: dalla 11th Avenue to 13th Avenue e dalla 83rd alla 86th strada
  • La metropolitana più vicina : linea D o linea M fermata 18th Ave oppure 79 St

 

  • La grata più famosa del mondo 

Era il 15 settembre 1954, alla 01.00 del mattino, quando Marilyn Monroe – per molti la Diva indiscussa del ‘900 – si faceva immortalare con un abito bianco svolazzante, poi decretato uno dei più belli della storia del cinema, su una grata al di sopra della metropolitana passante per Lexington Ave.

Anche chi non ha mai visto Quando la moglie è in vacanza (The Seven Year Itch), il film del 1955 diretto da Billy Wilder, ha bene in mente questi brevi fotogrammi che ne compongono il trailer (la scena del film fu poi ricostruita negli studi hollywoodiani): era bellissima, sorridente, davanti ad una folla di 5.000 curiosi, tra cui il gelosissimo Joe DiMaggio che, forse in quel momento, si rese conto che la moglie era desiderata da un’intera nazione – e che, forse nessuno poteva realmente averla. Dopo poche settimane le chiese il divorzio.

 

Non so se oggi il luogo abbia perso il suo fascino, ma sicuramente vale la pena soffermarsi e omaggiare la Diva con un pensiero.

Dove si trova?

 

Ti è piaciuto l’articolo? Fammelo sapere con un like o un commento, e mi raccomando: condividi!

Al prossimo post,

Buon viaggio! 🙂



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *